Porno storie

Porno storie del sessoaltelefonolive.it

Le porno storie più incredibili di sempre le ritroverai soltanto qui: lasciati trasportare da questi racconti molto coinvolgenti ed eccitanti, masturbandoti immaginando che potresti essere tu stesso il loro protagonista!

899.728.991

porno storie

Le porno storie ti hanno sempre stuzzicato? Leggi quelle che ti proponiamo qui!

“Ero seduta sul banco dell’aula mentre fingevo di ripassare un po’ gli appunti di storia, ma in realtà me ne stavo quatta quatta a leggermi porno storie che mi davano sempre una carica pazzesca, una scarica di adrenalina davvero incredibile! Me ne stavo piuttosto tranquilla perchè quelle storie in fin dei conti potevano tranquillamente apparire come dei normali appunti di una qualche materia (anche perchè le avevo scaricate e stampate da Internet, per cui, almeno ad una prima occhiata, non apparivano come nulla di particolarmente compromettente).

Ero tranquilla e beata fino a quando non entrò di punto in bianco il professore di anatomia. Mi guardò chiedendomi cosa ci feci ancora là e, in preda al panico, risposi un po’ impreparata che mi stavo semplicemente rileggendo gli appunti presi durante la sua lezione.”

899.728.991

“Non lo avessi mai fatto perché il professore decise improvvisamente di avvicinarsi a me per darmi supporto e magari consigliarmi su quei punti in cui mi sentivo meno ferrata, e la sua vicinanza, il suo respiro caldo, la sua presenza tanto incombente e quel suo sguardo che tentava di nascondersi dietro gli occhiali, furono parte di un mix che mi eccitò profondamente. Anche lui lo era: era eccitato come un cavallo, lo percepivo dalle sue espressioni e da quel respiro tanto irregolare.”

“Non so di preciso cosa accadde, ma una cosa la so per certa: dopo 5 minuti di tempo mi ritrovai con la mia mano che strusciava su quel suo pacco in via di irrigidimento. Lui si tolse gli occhiali e stette al mio gioco: prese la sua mano e la gettò dritta dritta nella mia minigonna, affondando le dita nella mia vagina e scavando a fondo fino a penetrarmi.”

“Prese poi le chiavi dell’aula allontanandosi da me, chiuse la porta di ingresso, tornò da me e mi confidò nell’orecchio

<<Lo sai che sei una cagna, vero? Ho sempre sognato scoparmi una studentessa e finalmente, in te, vedo proprio la troietta che cercavo. Fatti mettere a pecora e vedrai i voti della prossima sessione di esame come lieviteranno>>.

Decisi di stare a quelle condizioni e lo scopai facendomi penetrare come una cavalla fino a che non venimmo entrambi sui banchi dell’aula.”

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *